Infortunio sul Lavoro

Infortunio sul lavoro: qualcosa di cui non si vorrebbe mai sentire parlare. Purtroppo però accade. E nonostante le leggi sulla sicurezza siano sempre più presenti e puntuali, l’ imponderabile, l’ imprudenza o la negligenza possono essere in agguato.

L’ infortunio sul lavoro è un tema che ci ha coinvolti tutti, in modo diretto o indiretto. Anche solo per aver sentito le notizie al telegiornale. Altre volte per conoscenza di persone che ne sono state vittima, altre purtroppo per esperienza diretta. Ebbene, l’ infortunio sul lavoro è un tema caldo della nostra società, un qualcosa da cui rifuggire.

Ma se purtroppo l’ infortunio sul lavoro accade, come ci dobbiamo comportare? Cosa prevede la legge e cosa ci spetta?

 

Infortunio sul lavoro secondo l’ INAIL

Secondo l’ INAIL   rientra nell” infortunio sul lavoro:

  • ogni incidente avvenuto per “causa violenta in occasione di lavoro” dal quale derivi la morte, l’inabilità permanente o l’inabilità assoluta temporanea per più di tre giorni.

causa violenta

cioè la causa dell’ infortunio è improvvisa, intensa, in un breve lasso di tempo, e danneggia psico fisicamente il lavoratore.

occasione di lavoro

Sono tutte le situazioni, ivi comprese quelle ambientali, dove si svolge l’attività lavorativa e dove è imminente il rischio per il lavoratore

Al fine del nostro articolo ci fermiamo quì, chiaramente questo è un breve riassunto dei concetti principali. Invitiamo i nostri lettori che volessero approfondire l’argomento, a consultare la sezione dedicata del sito dell’ INAIL.

 

Incidente sul lavoro: responabilità del datore di lavoro

In caso di incidente sul lavoro si possono avere due possibilità: il datore di lavoro E’ o NON E’ responsabile.

Il datore di lavoro non è responsabile

Nel caso in cui non ci siano colpe da ascrivere al datore di lavoro, il quale ha rispettato tutte le norme sulla sicurezza, l’infortunio può essere stato causato per fatalità o per colpa del lavoratore. In casi come questi, dove cioè non c’è un vero responsabile oltre allo stessolavoratore infortunato, l’INAIL gli corrisponde un indennizzo. Questo indennizzo compensa, almeno in parte, il danno biologico. Nei casi più gravi l’INAIL corrisponde un indennizzo che compensa anche le consegunze economiche subite. 

Il datore di lavoro, o altri soggetti, sono responsabili

Nel caso in cui vi sia responsabilità oggettiva da parte di qualcun’ altro oltre al lavoratore stesso, il lavoratore potrà ottenere il risarcimento TOTALE dei danni subiti. La regolamentazione per questo tipo di rimborsi è regolamentata  dal codice civile.

 

Indennizzo INAIL

Come già accennato in precedenza, l’ indennizzo INAIL non comprono mai l’ intero danno subito, considerando TUTTI i danni subiti, sia quelli patrimoniali che quelli non patrimoniali.

Ecco cosa compre l’indennizzo INAIL:

  • temporaneo danno patrimoniale temporaneo: integra parte della retribuzione per il periodo dell’ infortunio;
  • permanente danno patrimoniale permanente: paga le future conseguenze patrimoniali, ma solo se le lesioni subite sono superiori al 15% di Invalidità Permanente;
  • non patrimoniale danno non patrimoniale: viene indennizzato solo il danno biologico permanente, e solo se la lesione è superiore al 5% di invalidità permanente.

 

Risarcimento aggiuntivo a quello INAIL

siamo nell’ambito della responsabilità NON del lavoratore

In questo caso, cioè se il lavoratore ha subito un infortunio sul lavoro per responsabilità di altri, ci sono gliestremi per chiedere dei risarcimenti cospiqui. Infatti in questo caso ogni singolo danno subito può e deve essere risarcito. Si parla sia di danni patrimoniali che non patrimoniali.

Si parla di tutti i danni non riconosciuti dall’ INAIL, ad esempio il danno biologico temporaneo, il danno permanente entro il 5% di invalidità, i danni morali, esistenziali, etc.

Danno differenziale

La differenza tra il risarcimento ottenuto da chi ha subito l’ infortunio sul lavoro, e il risarcimento INAIL è definito danno differenziale.

 

INAIL

L’INAIL, quindi, non da un indennizzo per TUTTI i danni subiti dai lavoratori. Da sottolineare che nel caso più grave di infortunio mortale la parte indennizzata è la famiglia del deceduto. L’INAIL, però, eroga comunque una parte del danno subito, anche nel caso in cui la responsabilità è dell’ infortunato.

 

Perchè rivolgersi ad indennizzi.org

Indennizzi.org rappresenta la miglior soluzione per ottenere l’ indennizzo differenziale, quello cioè non riconosciuto dall’ INAIL. Indennizzi.org non chiede nessun contributo iniziale a chi si rivolge a noi. Solo a indennizzo ottenuto, la quota spettante ad indennizzi.org sarà calcolata come una parte del capitale che indennizzi.org sarà riuscita ad ottenere. Quindi massima sicurezza da parte dell’ infortunato, che non dovrà anticipare niente.

Vedi anche gli ultimi aggiornamenti nella sezione delle news

 

Indennizzi.org è tecnologicamente sostenuto da TP Solutions che ne ha realizzato il sito web e ne cura l’indicizzazione.

Indennizzi.org è sostenitrice dell’associazione di consumatori Con-Sap